home Dicono di noi Verso il rientro dei militari italiani dall’Afghanistan, ma non sarà semplice

Verso il rientro dei militari italiani dall’Afghanistan, ma non sarà semplice

L’operazione presenta diverse complessità logistiche. La Difesa prevede un anno di tempo per completarla. Intanto gli Stati Uniti trattano con i talebani

“Il ministro Trenta ha dato disposizioni al Comando operativo di vertice interforze di valutare l’avvio di una pianificazione per il ritiro
del contingente italiano in Afghanistan”. Così fonti della Difesa hanno ieri annunciato la decisione di concludere la missione afghana, aggiungendo che “l’orizzonte temporale potrebbe essere quello di 12 mesi”. Sconcerto in molte forze politiche per come è stata presa la decisione.

La decisione appare legata al fatto che anche gli Stati Uniti si preparano a lasciare l’Aghanistan. L’inviato Usa Zalmay Khalilzad ha annunciato, dopo anni di fallimenti, una bozza di accordo con i talebani che potrebbe mettere fine alla guerra più lunga della storia americana, con circa mezzo milione di vittime, di cui 7.000 soldati statunitensi. I talebani si impegnano a garantire che l’Afghanistan non sia più usato come base per gruppi terroristici. Ma ci sono altre due condizioni poste dagli Stati Uniti per portare via tutti i suoi 14mila soldati, : il cessate il fuoco e colloqui diretti con il governo di Kabul. Due punti su cui la delegazione dei talebani ha chiesto tempo per discutere con la sua leadership.

Era un ritiro annunciato da tempo. Il ministro Trenta ne aveva fatto un cavallo di battaglia del suo mandato. Ora ci siamo. Riporterà a casa i soldati dall’Afghanistan, 17 anni dopo l’inizio di una missione fatta di tante ombre e poche luci. Tutto era cominciato con l’operazione Enduring Freedom, varata dalla Casa Bianca dopo gli attentati alle Torri Gemelle. Al quartier generale del Comando Centrale, alla base di McDill, erano rappresentati ben settanta Paesi che aderirono alla coalizione.

Ventisette offrirono contributi militari: truppe, navi e velivoli. L’Italia era tra questi, almeno a parole. Era rappresentata a Tampa da uno staff interforze, composto da una dozzina di ufficiali e sottufficiali. Brillammo per ambiguità governative, mai dissipate. In Parlamento, fu illustrato un dispositivo di forze imponente e invece l’unico contributo reale fu apportato dal gruppo navale, fortemente limitato nel ruolo operativo dalle condizioni imposte dal nostro esecutivo alla Coalizione per l’impiego delle forze italiane. Andò meglio con Isaf, la missione della Nato che prese le redini dell’Afghanistan nel 2002, con un mandato di “nation building”. Fino alla metà del 2012, avevamo in teatro 4mila militari, dislocati in otto avamposti principali. Combattemmo senza dirlo. Oggi facciamo solo addestramento e consulenza.

Il nostro contingente si è ridotto di oltre tre quarti, con 800 militari, 148 mezzi terrestri e 8 velivoli, concentrati per lo più a Camp Arena, la nostra base presso Herat. Abbiamo il comando occidentale dell’operazione Resolute Support. In pratica guidiamo un contingente multinazionale che si occupa dell’addestramento, dell’assistenza e della consulenza alle forze di sicurezza locali. La maggior parte dei nostri uomini appartiene all’Esercito, alla Brigata aeromobile Friuli, ma ci sono anche avieri, marinai e carabinieri. A capo della missione interforze c’è il generale Salvatore Annigliato, cui spetta un compito ingrato. Il Generale ha già iniziato a ridurre gli organici di 200 unità circa, come previsto da Roberta Pinotti all’epoca del governo Gentiloni. In poche parole l’Afghanistan non è più una priorità per nessuno, a partire dagli americani.

I team di ricostruzione provinciale non esistono più da tempo e il Paese langue. Lo lasciamo fragilissimo, senza vittoria militare e alte probabilità di guerra civile. Per i nostri partire ordinatamente sarà una fatica di Sisifo. Logisticamente, la missione in Afghanistan è la più impegnativa: il teatro dista 11 ore di volo dall’Italia. Ci vorranno mesi di andirivieni per ripiegare: ci sono migliaia di metri lineari di veicoli e container che dovranno tornare in Italia. Mettendoli in fila si coprirebbero le superfici di 40 campi da calcio. Useremo i cargo aerei, integrati da navi che salpano dal porto di Dubai.

Ma bisognerà coordinarsi con le autorità afghane per bilanciare la nostra tempistica di rientro con la loro capacità di assumere la leadership nella gestione di Camp Arena e dell’Aeroporto di Herat. Forse è solo un arrivederci.

Mezzi italiani nella provincia di Herat (Ansa)

Mezzi italiani nella provincia di Herat (Ansa)

I numeri di 17 anni di missione

54 militari italiani morti in Afghanistan

200 milioni di euro stanziati ogni anno per la missione

10 miliardi di dollari spesi dal 2002 a oggi

800 i soldati italiani ancora presenti nel Paese

148 mezzi terrestri e 8 velivoli dispiegati

2.250 il numero massimo dei militari italiani impegnati contemporaneamente in Aghanistan

Secondo i dati dell’Osservatorio Milex quella in Afghanistan è stata “la più lunga e costosa campagna militare della storia d’Italia“: complessivamente (dati ottobre 2017) a tutti i Paesi che vi hanno partecipato la missione è costata all’incirca 900 miliardi di dollari, “vale a dire oltre un milione di euro al giorno in media”. A questo costo netto, secondo Milex, vanno aggiunti esborsi aggiuntivi riguardanti varie voci che fanno lievitare la spesa “a oltre 7,5 miliardi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *